top of page

Itinerario escursione Riserva Naturale di Punta Bianca

Lasciati avvolgere dalla bellezza incontaminata della Riserva Naturale di Punta Bianca.




Cosa include il tour:

  • Navigazione in barca lungo la costa (La navigazione ha tempi variabili)

  • Sosta bagno alla Misita (Circa 25 minuti)

  • Sosta bagno a Punta Bianca (Circa 25 minuti)

  • Sosta bagno (se il meteo lo permette) alla baia delle sirene col castello (Circa 25 minuti)

  • Guida esperta

  • Salvagenti e floating

  • Acqua fresca a bordo


Partenza e primo tratto di navigazione:

Navigando lungo la costa, subito fuori il porto,ammirerai i lidi di San Leone e la città, in pochi minuti supererai la zona balneare raggiungendo la foce del fiume naro, una volta superata farai il tuo primo stop in acqua salmastra.


PRIMA SOSTA BAGNO:

Il nostro viaggio in barca fa tappa alla Misita, un altopiano che sorge sulla costa sud-occidentale della Sicilia. Immerso in un paesaggio mozzafiato, a pochi passi dall'antica Valle dei Templi e incastonato tra il promontorio di Punta Bianca e la foce del Fiume Naro, questo luogo offre un'esperienza indimenticabile.

Preparati a immergerti nelle acque cristalline che circondano la Misita. Nuota e rinfrescati in questo mare incontaminato, circondato da una natura incontaminata. Potrai ammirare la bellezza della costa siciliana da una prospettiva unica e vivere un momento di puro relax.

La Misita è un vero gioiello naturale, un luogo perfetto per gli amanti del mare e della natura. Qui potrai immergerti nella bellezza della Sicilia e creare ricordi che dureranno per sempre, la sua acqua ha un particolare riflesso verde ed è salmastra, difficilmente farà vedere il suo fondale, ma tuffandoti capirai che è limpidissima.


Navigazione:

Riprendendo la navigazione, ti dirigerai verso la marna di Punta bianca!


Seconda sosta:

La seconda sosta sarà davanti alla spiaggia di Punta Bianca che si trova nella Sicilia sud-occidentale, a pochi chilometri da Agrigento. È conosciuta per la sua sabbia bianca e l'acqua cristallina quando il sedimento non è in sospensione, ed è un luogo ideale per nuotare, prendere il sole e fare snorkeling. Le correnti fredde in questo luogo rendono l'immersione nelle acque davvero particolari. Il caldo mare africano in alcuni tratti è veramente circondato da acqua freschissima. La spiaggia è circondata da una falesia di marna bianca, che offre una vista spettacolare sul mare. L'ex caserma della Guardia di Finanza di Punta Bianca si trova a pochi passi dalla spiaggia, in un luogo di grande bellezza paesaggistica. L'edificio, costruito negli anni '60, è stato dismesso da diversi anni e versa in stato di abbandono.

Negli ultimi anni, diverse associazioni ambientaliste e culturali si sono battute per il recupero della caserma. L'obiettivo è quello di trasformarla in un centro di educazione ambientale, un museo o una struttura ricettiva. La caserma, infatti, potrebbe rappresentare un importante punto di riferimento per la valorizzazione del territorio di Punta Bianca e della Riserva Naturale Orientata omonima.

Tuttavia, il futuro della caserma è ancora incerto. Il Demanio, proprietario dell'immobile, ha avviato le procedure per la sua messa in sicurezza, ma non è ancora stato definito un progetto concreto per il suo recupero.



Navigazione:

Dopo aver visitato Punta bianca se il meteo lo permetterà continueremo verso il castello di Palma fermandoci nella caletta sotto di esso.


Ultima fermata:

La Baia delle Sirene è una piccola cala incontaminata situata ai piedi del Castello Chiaramontano, a Palma di Montechiaro, in provincia di Agrigento. La spiaggia, conosciuta anche come Spiaggia di Castellazzo, è raggiungibile solo via mare. La bellezza della Baia delle Sirene è data dal suo mare cristallino (quando le correnti sono deboli), dalla sabbia dorata e dalla cornice suggestiva del castello medievale che domina la baia. La spiaggia è ideale per chi desidera una vacanza all'insegna del relax e del contatto con la natura.


La leggenda narra che la Baia delle Sirene deve il suo nome al canto di queste creature marine. Si dice che le sirene vivevano nella baia e che attiravano i marinai con il loro canto, facendoli naufragare sugli scogli.

La Baia delle Sirene e il Castello Chiaramontano sono due luoghi da non perdere se si visita la Sicilia. Offrono un'esperienza unica nel suo genere, tra storia, natura e leggenda.


Rientro in porto:

Infine, la barca rientrerà al porto di San Leone, concludendo un'esperienza indimenticabile alla scoperta delle meraviglie della Sicilia.


Grazie per averci scelto!





Ti sei trovato bene?

Allora ti preghiamo di farci un grande regalo con una recensione a 5 stelle su google o tripadvisor!

Non ti sei trovato bene?

Prima di lasciare una recensione negativa scrivici, possiamo trovare una soluzione amichevole!

7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page